Pasqua è gratuità d’Amore che educa e salva!

Non è lui che deve capire me, ma sono io che devo capire lui/lei, perché ho già Qualcuno che mi capisce.

Non è lui/lei che deve salutarmi, ma sono io che devo salutare per primo, perché ogni mattino mi saluta un Altro che mi dà il buongiorno ogni mattino con il sole.

Non è lui/lei che deve chiedermi scusa, ma io devo con discrezione far intendere che sono disposto al perdono, perché ho uno che mi perdona sempre e mi ha giustificato una volta per tutte.

Non è lui/lei che dev’essere carino/a con me, ma io che devo rendermi gradevole, perché ho già Qualcuno che mi gratifica ogni momento dandomi la Sua bellezza infinita ed il sorriso di tutte le cose.

Non è lui/lei che deve amarmi, ma io che devo amare per primo, perché io ho già Uno che mi ama per sempre e ha già dato Se stesso per me.

Forse avrò accoglienza, comprensione, saluto, perdono, gentilezza oppure niente di tutto questo. Se si, avrò guadagnato un fratello, e saremo felici insieme; se no, gli avrò dato occasione e opportunità, Uno me ne darà merito, perché Lui a me dà sempre il centuplo e non ci ripensa e sarò felice comunque, perché Lui per me è Accoglienza, Comprensione, Perdono, Bellezza, Amore bastante, perché infinito!

Per questo diceva S. Teresa: “Solo Dio basta!” e aggiungeva “niente mi turba, niente mi spaventa”

  1. Francesco che ripeteva: “Mio Dio, mio Tutto” e ancora: “Tanto è il Bene che mi aspetto che ogni pena mi è diletto!”. Sempre lui il poverello di Assisi per le incomprensioni ed i rifiuti dei frati tanto amati suggeriva a frate Leone: “Ivi è perfetta letizia”!
  2. Una ragazzina come Greta dovrebbe aspettarsi che i Grandi capiscano prima e meglio di lei che non devono sfasciare il mondo che è di tutti.I Volontari che vanno in missioni di sviluppo e di pace in Paesi difficili e disagiati devono ricevere gratificazione e merito invece vengono sequestrati ed uccisi.

    Un papa che sta’ richiamando a quella conversione che tutti vedono necessaria alla Chiesa anche i ciechi e i sordi, dovrebbe ricevere gratitudine invece riceve insulti e accuse d’eresia.

    Di fronte a tutto questo male e questa ignoranza, voluta o no, dobbiamo noi cristiani essere profeti di una speranza nuova!

    Dobbiamo educarci alla denuncia e alla compassione pagando di persona come Gesù, come il Padre: questa è stata da sempre profezia di Dio!

    “Mosè, l’uomo più mite della terra”; ha ucciso un Egiziano e dopo la sua conversione ancora ha spaccato le tavole della Legge, ha frantumato il vitello d’oro e lo ha fatto bere al Popolo tutto!

    Gesù mite ed umile di cuore compassionevole verso tutti è passato beneficando e sanando esorcizzando e perdonando eppure ha detto la loro a scribi e farisei “ipocriti, sepolcri imbiancati e razza di vipere”; ha detto a Pietro: “Scansati, Satana!”; ha rovesciato i banchi dei mercanti e cambiavalute nel Tempio…

    In questa Pasqua rileggiamo così l’attualità di un Dio che ancora si manifesta nella gratuità e pagando di persona. Con Gesù, in Giulio Regeni, Antonio Megalizzi, Ilaria Alpi, don Andrea Santoro, P. Paolo Dall’Oglio e tanti altri martiri per la verità e la giustizia che sanno dare la vita… la migliore Italia c’è!                                                                                                                          Don

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei umano? Allora rispondi a questa domanda per accedere al sito *